ADI 2021 – LETTERATURA E POTERE/POTERI – CFP: Il testo violato. Varianti d’autore e potere

XXIV Congresso ADI (Catania, 17-19 settembre 2020)

Letteratura e potere/poteri

 

Proposta di panel

 

Proponente: Monica Zanardo (Università di Padova) monica.zanardo@unipd.it

Discussant: Paola Italia (Università di Bologna) paola.italia@unibo.it

 

 

Il testo violato. Varianti d’autore e potere

 

Il panel si propone di riflettere sulla dialettica tra letteratura e potere attraverso l’esplorazione degli archivi letterari e l’analisi di casi di studio in cui la volontà dell’autore sia stata modificata, più o meno consapevolmente, a causa dei rapporti con il potere, inteso, in senso generale, come emanazione del contesto storico, politico e culturale o, in senso più stretto, come strumento di coercizione e controllo.

Gli effetti del potere sono visibili in tutte le fasi creative della produzione letteraria: dalla fase pre-redazionale di ideazione (opere occasionate da eventi storico-politici, scritti d’occasione, omaggi, creazione del consenso o espressione di dissenso…), alla fase redazionale (riscritture, redazioni plurime, opere interrotte), fino alla fase editoriale (censura, varianti coatte e varianti coatte d’autore) e post-editoriale (riedizioni, ristampe con varianti, palinodie). In quest’ottica, le varianti d’autore offrono un osservatorio privilegiato per studiare le molteplici declinazioni dell’impatto del potere sulle opere letterarie, studiate nel loro farsi.

I contributi, che potranno spaziare cronologicamente (XIV-XXI sec.) e riguardare diversi generi letterari (lirica, prosa, saggistica, teatro), verteranno su varianti d’autore manoscritte o a stampa e metteranno in luce le molteplici modalità attraverso le quali il potere, nelle sue diverse espressioni, ha influito, nel corso dei secoli, sulla creazione letteraria.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*